Capsule

Quando ero piccola, poiché mia madre lavorava molto e di mio padre non ho mai saputo nulla, passavo il tempo in cui non ero a scuola con la nonna, la madre di mia madre. Avevamo un rapporto speciale noi tre, le uniche persone appartenenti al nostro piccolo nucleo familiare (non avevo altri nonni, nè zii o cugini), donne forti ed indipendenti, ma soprattutto felici nel nostro piccolo mondo fatto di cose semplici, ma belle. Vivevamo tutte e tre sotto lo stesso tetto, in una vecchia casa di campagna che apparteneva alla famiglia di mia nonna da generazioni, con un fienile accanto dove tenevamo due mucche ed un cavallo, e una piccola casetta per le galline. Dietro casa c’era un bell’orto nel quale mia nonna riusciva a fare crescere qualsiasi cosa e, poco più lontano, avevamo un campo di patate che raccoglievamo con l’aiuto dei vicini. Facevamo, in sostanza, una vita contadina, da piccolo villaggio. Era un paradiso. Per andare a scuola dovevo camminare ogni giorno venti minuti per raggiungere la prima fermata dell’autobus. Alle volte la nonna mi accompagnava, altrimenti era solo Argo, il nostro cane, che faceva la strada con me. Salita sul bus lui se ne andava a zonzo nella zona a fare chissà cosa e, come un soldatino, lo trovavo ad aspettarmi al mio ritorno. 

Con il passare degli anni la nonna iniziò ad avere degli acciacchi ed ecco che un giorno vidi apparire un piccolo contenitore azzurro sul tavolo della cucina. Lo aprii e vi trovai capsule e vitamini di vario colore, divise in piccoli scompartimenti che portavano il nome di ciascun giorno della settimana. La nonna mi spiegò che quelle capsule erano medicine per il suo cuore, che ogni tanto faceva le bizze, e che le doveva prendere tutti i giorni per stare bene. Terrorizzata all’idea di perdere la nonna mi ossessionai con quel suo porta capsule e mi trasformai nella sua infermiera personale, ricordandole ogni giorno cosa prendere e a che ora. La nonna mi lasciò fare perché capì subito cosa mi spingeva a tanto, fastidioso zelo. 

Un giorno, mentre gliele portavo, persi due capsule perché inciampai in una radice e quelle finirono dritte nel torrente. Entrai nel panico, disperata all’idea che la mancata medicazione avrebbe fatto morire la nonna, e sarebbe stata colpa mia. Poco dopo la nonna mi trovò in uno stato pietoso e si mise a ridere quando le spiegai il terribile fatto. Mi spiegò che era un problema facilmente risolvibile in verità e, una volta comprato un nuovo flacone di capsule, le prese come sempre.

A distanza di tanti anni da quel paradisiaco passato, ancora oggi quando vedo quei contenitori di plastica sento un momentaneo salto al cuore, qualcosa che non sono in grado di controllare inconsciamente. Poi penso alla mia amata nonna ed i ricordi si spostano alle nostre passeggiate, ai pranzi, alle mucche, al torrente…

L’addominoplastica, una risorsa per sentirsi meglio con sé stessi

Per alcuni, l’addominoplastica è una procedura chirurgica per rimuovere varie forme inestetiche che possono essere presenti nella zona dell’addome nello stomaco. Ma, in realtà, l’addominoplastica è una risorsa per sentirsi meglio con se stessi. Infatti, il dar modo di poter riavere una pancia più soda e piatta non sono gli unici vantaggi. Ad esempio, consente di poter avere un corpo più leggero.

Infatti, andando a ricorrere ad una addominoplastica, si potrà, tra l’altro, beneficiare di un sentito miglioramento della postura e, inoltre, diversi soggetti che, prima, avevano dichiarato di soffrire di mal di schiena, dopo essersi sottoposti ad una operazione di addominoplastica, non ne hanno più sofferto. In ogni caso, nell’immaginario collettivo, una operazione di addominoplastica viene ad essere associata ad una tipologia di intervento volto a rimodellare una parte del corpo, ovvero la zona addominale.

In realtà, una volta che è stato rimosso il grasso e la pelle in eccesso, il soggetto potrà avere una parete addominale più soda, così come uno stomaco piatto, oltre che una vita più sottile e un corpo più tonico. Indiscutibilmente, vi sono molte ragioni per usare questo tipo di chirurgia.

Per le donne, ad esempio, una operazione di addominoplastica potrà risultare essere molto utile per cancellare i post-effetti della gravidanza, restituendo, dunque, una invidiabile silhouette. Insomma, grazie alla pratica dell’addominoplastica, tutto migliora, il che permette, anche, di poter ritrovare una maggiore fiducia in noi stessi. D’altra parte, avere un fisico adorabile, alza il morale ad ogni donna.

Inoltre, l’addominoplastica previene il sovrappeso nelle donne di età superiore ai 50 anni. Come è noto, dopo una certa età, è facile ingrassare. L’addominoplastica, perciò, aiuta ad eliminare il sovraccarico di grasso sulla parete del ventre. In altre parole, aiuta a prevenire tutto il sovrappeso man mano che il tempo passa e, di conseguenza, contribuisce a mantenere un aspetto gradevole molto più a lungo.

Si può, quindi concludere, ricordando che l’addominoplastica non si limitata solamente a migliorare il nostro aspetto ma è, anche, in grado di regalarci un impatto molto positivo tanto sul morale quanto sulla salute e il benessere in generale.…

Cosa provoca una carenza di vitamina C

Una tra le più note, devastanti e conosciute conseguenze legate ad una carenza di vitamina C, è lo scorbuto, un evento che, tuttavia, non si manifesta più così ad ampio raggio come un tempo. Presente solo in alcuni paesi in via di sviluppo, dal XVI al XIX secolo, la carenza di vitamina C che, appunto, si presentava forma di scorbuto era prevalente tra i marittimi.

Tuttavia, una carenza di vitamina C, ancora oggi, comporta alcune preoccupanti conseguenze come, per esempio, la fragilità di unghie e di capelli, disturbi gengivali, stanchezza e, soprattutto un generale indebolimento del nostro sistema immunitario, un evento che porta ad avere una esposizione maggiore a varie tipologie di infezioni. In ogni caso, è possibile soddisfare il fabbisogno quotidiano di assunzione di vitamina C attraverso l’utilizzo di appositi integratori, i quali possono essere facilmente acquistati anche online sotto forma di compresse masticabili, di capsule e via dicendo.

In linea generale, la carenza di vitamina C è molto rara in Italia così come negli altri paesi industrializzati. La sua quantità giornaliera raccomandata per gli uomini è di 110 milligrammi, mentre per le donne è di 95 milligrammi. Quindi, questa suggerita quantità di vitamina C, può essere, facilmente, raggiunta attraverso una dieta equilibrata e versatile. Di solito, già due kiwi o il succo di due arance coprono il fabbisogno giornaliero. Pur tuttavia, fattori come, per esempio, il fumo, oppure situazioni come gravidanza e allattamento, possono richiedere una presenza maggiore di vitamina C.

A far aumentare la necessità di vitamina C, concorre, anche, l’utilizzo della pillola contraccettiva, l’assunzione di antidolorifici oppure di sulfonamidi. Diabetici e anziani sono, anche, tra coloro che dovrebbero prestare particolare attenzione ad un sufficiente apporto di vitamina C, in modo da non rischiarne una pericolosa carenza. Quindi, nonostante che una corretta alimentazione resti un elemento utile a far sì che il nostro organismo possa assumere un quantitativo sufficiente di vitamina C, vi sono numerose e diverse evenienze per le quale questa forma di assunzione non risulta essere sufficiente.

Così, andando a concludere, in questi casi, per sopperire ad una supplementare necessità di vitamina C, è possibile far ricorso agli integratori, sempre e comunque, dopo aver ascoltato il parere del proprio medico curante.…

Come visitare Lubiana con i bambini

Lubiana è una bellissima città. Seppure sia piccola, la capitale della Slovenia offre moltissimo anche per i più piccoli. Quindi, visitare Lubiana con i bambini sarà una più che una piacevole esperienza per tutte le famiglie. Indubbiamente, una stupefacente esperienza, sia per i bambini e sia per i loro genitori, è la gita in battello sulla Ljubljanica, il fiume che attraversa la Capitale. Infatti, in questo modo, sarà possibile ammirare le bellezze di Lubiana da una prospettiva insolita ed affascinante. 

Che il Castello di Lubiana sia, certamente, uno dei simboli della città, è noto a tutti. Proprio per questa ragione, è giusto che, anche, i bambini possano ammirare questo stupendo luogo. Uno dei modi di visitare Lubiana e il suo mitico castello, è quello fornito dalla sua funicolare. Arrivati, i più piccoli visitatori, potranno visionare un appassionante film che narra la storia del Castello di Lubiana, oltre che visitare l’annesso Museo delle Marionette. In pratica, un modo molto interattivo per visitare Lubiana con i bambini.

Vi è qualche bambino a cui non piacciano gli animali? Allora, è bene visitare lo splendido giardino zoologico di Lubiana. Inserito in un ambiente naturale dominato da prati e boschi, i bambini saranno coinvolti da personale altamente specializzato, in una stupenda esperienza a contatto con gli animali. Giocare a Lubiana con bambini, poi, è davvero molto facile. Infatti, ad ogni angolo della capitale della Slovenia, vi è una sorpresa ad attenderli. Artisti e saltimbanchi, infatti, offrono sempre dei piacevoli e divertenti spettacoli.

Città incredibilmente kids friendly, Lubiana, quindi, propone per i più piccoli, un incredibile numero di soluzioni per offrire momenti di intrattenimento e di divertimenti riservato ai suoi piccoli visitatori. Pulita, tranquilla e sicura, Lubiana è, perciò, una perfetta meta, per una vacanza con tutta la famiglia, viste le moltissime attrazioni interamente dedicate e riservate ai bambini come, per esempio, il trenino Urban o quelle che vengono ad essere offerte nella famosa Piazza del Mercato. 

Dunque, andando a concludere, che si scelga Lubiana per un fine settimana o per una più lunga vacanza, l’andarci con tutta la propria famiglia sarà un esperienza sempre piacevole, divertente e sicura.

La riduzione del seno: una scelta che ogni donna deve ben ponderare

Scegliere di avere il seno ridotto, non è una decisione da prendere alla leggera. La riduzione del seno, infatti è un’operazione importante che, come ogni chirurgo estetico sottolinea, deve essere ben compresa da ogni donna.

In generale, Quando la taglia del seno diventa un handicap e crea complessi, la riduzione del seno può essere una soluzione per riconciliarsi con il proprio corpo. Ma prima di procedere, è importante conoscere questa delicata operazione di chirurgia estetica. 

Quali motivazioni per una riduzione del seno? 

Fondamentalmente, vi sono due ragioni per le quali una donna può decidere una riduzione del seno, ossia o una funzionale oppure una ragione estetica. Funzionale perché i seni pesanti e imponenti creano dolore alla schiena e sono invalidanti nella vita di tutti i giorni, per esempio per lo sport. Estetica, perché i seni grandi deformano la silhouette, tendono a cadere e la persona è costantemente costretta a indossare un reggiseno.

Un seno normale, ossia quello che porta una coppa B o C, pesa circa 400 grammi. È quando un seno ha una necessità di indossare una coppa E, e in particolare dalla F, che le donne li considerano troppo grandi e, talvolta, richiedono una riduzione del seno.

Come avviene la riduzione del seno? 

Prima dell’operazione, il chirurgo eseguirà disegni preoperatori sul paziente, oltre che verificarne lo stato di salute complessivo. Di norma, la riduzione del seno è una operazione che viene ad essere svolta in anestesia generale. Quindi, il chirurgo andrà a rimuovere la parte profonda della ghiandola, più vicina al muscolo pettorale. La quantità rimossa varia con l’età.

Tutto ciò che verrà rimosso dal torace verrà esaminato dal chirurgo e inviato al laboratorio.  Questo, per verificare che non ci sia alcun tumore nascosto, un evento raro e che riguarda solo 1 caso su 400.

Nel procedere alla riduzione del seno, il chirurgo, quindi, andrà ad intervenire su tre diversi punti diversi, il che farà sì che vi saranno tre cicatrici e cioè: quella intorno all’areola, quella verticale sotto il seno e quella orizzontale alla base del seno. Il seno si andrà a stabilizzare entro i 4 o 6 mesi successivi all’operazione.

In conclusione, la riduzione del seno è un tipo di operazione che si è evoluta molto negli ultimi decenni a seguito dell’introduzione di tecniche moderne, le quali, permettono al seno di mantenere la sua funzione primaria che è quella di consentire ad una donna di far allattare al seno il proprio bimbo.

Casino in Slovenia, forse non sapevate che…

Il mondo dei casino in Slovenia è pieno di sfaccettature, colori, note, sensazioni, ma anche regole e costumi e, dato che in Italia di casino non ce ne sono, molto spesso sappiamo ben poco al riguardo, magari solo quello che ci viene mostrato dalla televisione. D’altra parte, non è per noi italiani consuetudine visitare queste strutture, a meno di non risiedere vicino a zone di confine con paesi dove di casino ce ne sono (come la Slovenia, o la Croazia ad esempio). Per quanto riguarda il mondo del gioco nel paese sloveno, vale la pena menzionare alcuni fatti che un qualsiasi giocatore dovrebbe sapere.

Anzitutto, per entrare in un casino in Slovenia bisogna essere maggiorenni, mostrare un documento valido di identità, ed essere consapevoli che i popri dati personali verranno registrati da un addetto del personale. È bene anche conoscere il fatto che, essendo la Slovenia parte della UE dal 2004, dal 2007 è ivi in uso l’Euro.

Il gioco d’azzardo in Slovenia è regolato dallo Stato, ed in particolare dal Ministero delle Finanze, ed i soli siti internet per scommesse che hanno la licenza di operare sul territorio, sono quelli offerti da operatori in possesso di regolare licenza per i “giochi classici” o quelli con una licenza per casino.

Poichè il gioco d’azzardo può diventare una dipendenza ed il governo sloveno ne è consapevole, troverete avvisi e foglietti informativi all’interno dei casino con informazioni sui rischi del gioco e contatti di centri per ottenere aiuto. Come misura ulteriore, è possibile per ogni giocatore “auto-escludersi” da tutti i casino e siti online in Slovenia firmando un documento volontario che proibirà, una volta consegnato, all’individuo di accedere ad una qualsiasi struttura fisica o virtuale per un minimo di sei mesi e fino ad un massimo di tre anni.

Infine, come suggerimento, se in un casino non ci siete mai stati, non temiate di essere pesci fuor d’acqua, non fatevi troppi scrupoli poichè nelle strutture della Slovenia troverete tutti i tipi di persone – i giocatori assidui, quelli esperti, quelli facoltosi, così come i visitatori della domenica, i turisti che entrano per la prima volta nella loro vita, giovani, persone più in avanti con l’età – e vi sarà davvero facile sentirvi a vostro agio e divertirvi. Incontrete tantissimi giocatori stranieri, la maggior parte dei quali provenienti dalle vicine Austria, Germania e Italia, anch’essi in viaggio come voi e tra i quali sicuramente troverete visitatori che prima non avevano mai messo piede in un casino. E ad ogni modo, in caso di bisogno, il personale è sempre lì a vostra disposizione.…

Le bacche di aronia, una eredità che ci viene dai nativi americani

Pianta originaria del Nord America, le bacche di aronia sono state utilizzate dai nativi americani, sin dall’alba dei tempi, come pianta medicinale. Oggigiorno, l’interesse principale nei confronti delle bacche di aronia, risiede proprio nel fatto che queste risultano essere particolarmente ricche di vitamine C, B1, B2, A, acido folico, antociani, flavonoidi e fibre.

Tra queste sostanze, vi sono, perciò, molti antiossidanti che proteggono le cellule del corpo contro i fenomeni di ossidazione e invecchiamento. in altri termini, sono in grado di contrastare l’effetto dannoso dei radicali liberi. Non a caso, vengono ad essere considerate come un super alimento fondamentale per salvaguardare il benessere fisico.

Agente in grado di andare a contrastare le infezioni, senza dubbio, una delle loro più apprezzate e note proprietà, è proprio quella di prevenire e ostacolare una prematura senilità cellulare.

Proprietà, benefici e virtù delle bacche di aronia

Pura vitalità concentrata. Questo frutto, perciò, merita di essere conosciuto per le sue proprietà salutari e, pertanto, andiamo alla scoperta delle proprietà, dei benefici e delle virtù racchiuse nelle bacche di aronia. Dall’aspetto molto simile al mirtillo fa parte della famiglia delle Rosacee, ed è, come detto precedentemente, una pianta originaria del Nord America.

Indiscutibilmente, una delle sue più note virtù, è quella di essere considerata un potente antiossidante naturale intensamente ricca di vitamina C. Dal gusto molto dolce e leggermente acido, abbastanza vicino al ribes nero l’aronia trova, tra l’altro, un suo utilizzo anche per dare un originale sapore ai piatti.

Essendo, perciò, particolarmente molte ricche di vitamina C, e per essere note per le loro virtù di antiossidanti, le bacche di aronia sono molto utili per poter andare ad neutralizzare i radicali liberi prodotti dal corpo, i quali, come è notoriamente risaputo, danneggiano le cellule e le molecole del DNA. Oltre a ciò, la loro assunzione viene ad essere suggerita per combattere, in maniera più che ottimale, anche le malattie cardiovascolari, come pure per protegge la pelle dai danni del sole.

Indicate perfino per soggetti diabetici, perché non aumenta il livello di zucchero nel sangue, sono, in pratica, una sorta di fantastico elisir, per certi versi magico, eccellenti per preservare, per tonificare e per stimolare il proprio sistema immunitario tanto durante la stagione invernale quanto in quella estiva. In conclusione, contiene tutte quelle virtù così fondamentali per il nostro benessere e, perciò, un vero concentrato di vantaggi da non perdere assolutamente.…

La tata moderna è una vera e propria assistente familiare

Anche se in tempi moderni la parola tata può risultare essere un po’ snob, è, tuttavia, da rammentare che essa rappresenta, ancora oggi, una figura professionale molto ricercata. Infatti, sempre più famiglie sono alla ricerca di una tata per i propri bambini, in considerazioni anche dei ritmi infernali imposti da questa società moderna.

Per nostra fortuna vi sono varie agenzie online che ci possono aiutare a cercare una tata. Anche se nel tempo le sue specifiche funzioni si sono andate ad adattare alle nuove esigenze, fondamentalmente la funziona della tata è rimasta immutata. Non per nulla, la tata si occupa anche di quello che può essere lo sviluppo cognitivo, emotivo, sociale e fisico dei bambini, come pure della creazione di un ambiente sicuro e stimolante.

La tata moderna si occupa della preparazione dei pasti dei bimbi, come pure li può andare a prendere a scuola, ma si può anche dedicare all’acquisto di giocattoli o a fare lo shopping con loro. La tata è pertanto a tutti gli effetti una vera e propria assistente famigliare, e si dedica con amorevole cura al benessere dei nostri bambini.

Un valido aiuto per cercare una tata ci può arrivare dalle agenzie online. Infatti, queste agenzie online sono organizzate anche per poter proporre una tata selezionata e qualificata. Non vi sono molti dubbi che, nell’immaginario collettivo, la tata perfetta sia rappresentata da Mary Poppins, fantastico personaggio frutto della fantasia di Pamela Lyndon Travers e visivamente rappresentato in maniera magistrale da Julie Andrews nel film della Disney. Comunque che la tata sia divertente, sempre allegra, paziente e buona è una realtà non solamente cinematografica.

Non sarà come Mary Poppins, ma certamente sarà in grado di saper badare anche a bambini vivaci, come sarà sempre in grado di farsi amare e apprezzare. Visto che le complessità aumentano e sembra esserci sempre meno tempo, la tata resta, pertanto, sempre un punto di riferimento irrinunciabile, al quale affidare con fiducia i nostri bimbi.…

Con il social eating ottimi pranzi a prezzi stracciati

Anche nel nostro bel paese, si sono oramai sviluppati numerosi siti web che si occupano esclusivamente di social eating. Il social eating è divenuto, di fatto, anche in Italia un vero e proprio coinvolgente fenomeno.

Internet acconsente, quindi, di poter far incontrare chi vuole promuovere i social eating e chi invece vuole esperimentare questa nuova e innovativa formula. In estrema sintesi i social eating permettono di poter promuovere la cultura della buona tavola, della enogastronomia all’interno di una residenza privata.

Non per nulla, provetti cuochi si dilettano e mettono in mostra le proprie abilità culinarie, aprendo le porte di casa propria. In maniera fluida i vari specifici portali web accordano di illustrare le caratteristiche del menù proposto, concedendo perciò di avere sempre una magnifica occasione di poter prendere parte ad uno dei tanti social eating.

In questa maniera i commensali desiderosi di partecipare, e che sono sempre alla ricerca di una perfetta occasione di poter degustare dell’ottimo cibo e di fare delle nuove conoscenze, potranno essere informati ed edotti in maniera più che esaustiva. Senza poi dimenticare che con i social eating si potrà vivere una indimenticabile esperienza di mangiare tutti insieme non più entro un locale pubblico, ma all’interno di una abitazione privata, e quindi in un ambiente maggiormente confortevole e caldo.

Molti siti che si occupano di social eating sono anche nella versione mobile app, e quindi non è di certo molto complicato reperire informazioni e dettagli. È anche da sottolineare come i social eating si siano sviluppati in breve tempo anche in Italia, formando una vera e propria community di amanti della buona cucina.
Considerando il basso costo proposto, un prezzo più che simbolico, una cifra che rappresenta una specie di piccolo rimborso spese, chi organizza un social eating di certo non si arricchirà, ma potrà invece accrescere il proprio patrimonio di conoscenze e di aspetti umani.…

Una casa sempre in ordine grazie alla domestica

Nell’ambito di una moderna gestione della casa non vi è dubbio che sempre più spicca la figura della domestica. È anche interessante constatare come l’origine della professione della domestica sia anche documentato da numerosi scritti, i quali compravano un suo impiego fin dalla notte dei tempi.

Il lavoro della domestica è da sempre stato identificato come mansione prettamente femminile, in quanto da millenni la pulizia della casa e la cura dei bambini fanno parte dell’universo donna. Anche se questo concetto originario è andato sempre più nel tempo a modificarsi, la professione della domestica è ancora oggi dominata dalla presenza femminile.

Non per nulla, anche a causa di profondi e radicali cambiamenti nelle condizioni di vita delle persone e anche grazie alle innovazioni tecniche presenti nelle nostre case, come l’invenzione della lavatrice e della lavastoviglie, all’inizio dei tempi moderni, quello che era il concetto vigente riguardante la domestica è mutato, facendo sì che ai nostri tempi, la domestica è ormai una sempre più rara e importante professione.

Il tempo a nostra disposizione è scandito oramai da ritmi a dir poco frenetici, e la conduzione di una casa è divenuta una problematica per molti nuclei familiari. Tuttavia, grazie alla presenza di varie agenzie online il cercare una domestica valida e preparata non è più un grande problema.

Se anche tu ti trovi a dover far fronte a tutta una serie di compiti e obblighi lavorativi, potrai perciò trovare un valido supporto nella domestica, che potrai facilmente trovare grazie alle agenzie online. In questo senso, è anche da sottolineare come l’ausilio delle agenzie online non si limiti esclusivamente nel fornire una domestica professionalmente preparata, ma è anche di vitale importanza per risolvere ogni problema contrattuale.

In conclusione, con il supporto di una domestica, ognuno di noi potrà vedere migliorata la qualità della propria vita, beneficiando anche di preziosi aiuti per la propria salute.…